Turning spaces into places

COME LIBERARE UNA CASA DALLA SUA VITA PRECEDENTE CON IL MINIMO DELLE SPESE

Appartamento a Milano in eredità da affittare

Ereditare una casa? Certo sembra un sogno e certamente si tratta di una bella opportunità soprattutto oggi che gli affitti a breve termine costituiscono un’entrata economica immediata, però…

C’è un però: venire a capo di una casa abitata per decenni da qualcun altro è un impegno davvero notevole, in termini di tempo ovviamente, ma anche di energie, soprattutto se conosciamo e abbiamo amato la persona che abitava quegli spazi.

Quando si eredita una casa è come se per qualche tempo si ereditasse l’intera vita che si è vissuta al suo interno ed è una sensazione che provoca emozione, ma anche disagio… si tratta infatti di decidere il destino di arredi scelti e utilizzati per tanto tempo, ma anche di abiti, oggetti, ricordi, quadri, documenti e piccoli grandi segreti.

Non ci sono scorciatoie: per arrivare a dare nuova vita a una casa, reinterpretandone gli interni, bisogna prima “liberala” della sua vita precedente.

Questo è il lavoro che abbiamo ultimato su un appartamento di 120 mq a Milano, abitato da un’anziana signora per quasi cinquant’anni. Abbiamo affiancato il cliente che ha ereditato l’appartamento dai primi sopralluoghi fino alla scelta dell’operatore a cui affidare l’appartamento da affittare.

Il lavoro è durato 3 mesi e ha previsto tante attività diverse, suddivise in 7 fasi principali: consideratele come una specie di tutorial in caso vi trovaste ad affrontare una simile situazione.

 

1. VALUTAZIONE – dovete capire in che stato generale è l’appartamento, in modo da rendervi conto dei lavori imprescindibili (muri, impianti, pavimenti, illuminazione) e degli arredi che possono essere tenuti, riutilizzati previo restauro oppure venduti.

casa_ereditata_prima
2. BUDGET
– la valutazione permette di fare una prima stima del budget che avete bisogno per reiventare la casa: quale potrebbe essere il progetto di massima di riorganizzazione degli spazi, quali sono i lavori da fare e quindi gli artigiani da chiamare per un preventivo; gli arredi che dovrete sistemare e acquistare, stanza per stanza. Potete così rendervi grosso modo conto del budget da destinare al progetto.
L’appartamento potrebbe contenere anche pezzi da rivendere con qualche soddisfazione, quindi mostrate sempre a qualche esperto mobili, quadri e oggetti d’epoca prima di portare tutto al primo mercatino dell’usato!

casa ereditata_prima_2

3. SELEZIONE ( o DECLUTTERING) – se è già un’impresa risistemare il proprio armadio… figuratevi cosa significa dover aprire ogni cassetto e antina di un appartamento non vostro e dover fare una scelta intelligente, pratica e veloce su ogni bene contenuto. È forse la fase più delicata in assoluto ed è difficile portarla avanti da soli, perché ci si può sentire facilmente sovrastati dalla quantità di oggetti e di scelte.
Su mobili e complementi io consiglio sempre di usare i post-it di colore diverso per i pezzi da tenere e quelli di cui liberarsi: in questo modo per qualche giorno avrete le vostre scelte davanti agli occhi e sarà più facile rimetterle in discussione dopo qualche riflessione.
Per oggetti e vestiti il consiglio è di procedere per livelli, separando le cose in scatole diverse (tenere, regalare, vendere) avendo fin da subito a disposizione grandi sacchi della spazzatura che accolgano tutto ciò che non ha un valore e va semplicemente eliminato, anche dalla vista.

ccasa ereditata_decluttering
4. PROGETTO –
è il momento della visione e della scelta, per dare forma all’idea di casa che abbiamo in mente: manutenzione dei pavimenti e colore delle pareti sono i primi punti fissi, poi viene la lista dei punti luce e la ricerca e selezione di mobili e complementi da acquistare, abbinandoli a quelli che si è deciso di conservare. L’obiettivo è arrivare a un risultato omogeneo e originale, anche partendo da qualche compromesso! Ricordate che bagni e cucina sono parte integrante del progetto e gli va data la giusta attenzione, così come alle tende e alla personalizzazione delle pareti.

5. ARTIGIANI ALL’OPERA – imbianchino, parchettista, idraulico se serve, restauratore e naturalmente qualcuno che si occupi dello sgombero, perché è anch’esso quasi sempre a pagamento. Vanno cercati i fornitori, organizzati i sopralluoghi e poi confrontati i preventivi, almeno un paio per attività.
Se avete fretta di fare i lavori, questo capitolo è da affrontare con senso pratico, va capito il range di prezzo del servizio di cui avete bisogno e poi va scelto il fornitore anche in relazione alla sua disponibilità e affidabilità.

casa ereditata_lavori
6. AZIONE – dove si procede agli acquisti e si controlla il lavoro dei fornitori. Alcuni acquisti possono essere fatti online a prezzi interessanti: non vedere di persona gli arredi mette sempre un po’ di apprensione, quindi non esitate a chiedere tutte le informazioni utili. Per gli acquisti negli store bisogna essere altrettanto concentrati se si desidera ottimizzare i tempi e non dover tornare più volte negli stessi posti: in questo caso fare una lista è essenziale così come avere sottomano le misure più importanti.
Per quanto riguarda gli artigiani… cercate di entrare nel merito del lavoro che faranno prima di accettare il preventivo e verificate sempre la qualità del lavoro, fate sentire che siete presenti e vi interessa il risultato, senza diventare asfissianti!

armadio_liberty_restaurato

7. ARREDO ( e PULIZIE) – questo è il momento clou: quando i lavori vengono terminati, i mobili possono arrivare ed essere collocati al loro posto. Il risultato può sembrare ancora incompiuto perché mancano i dettagli, alcuni pezzi andranno spostati, e in caso l’abitazione vada fotografata per essere proposta online a turisti e visitatori bisogna preoccuparsi di arricchirla di quelle piccole cose che rendono un casa vissuta: libri, oggettistica, stoviglie e biancheria.
Ricordate di dedicare tempo alla scelta di dettagli come cuscini, tende, stoviglie, quadri, stampe e specchi da appendere alle pareti: arrivati a questo punto non ne potrete più, ma l’ultimo tocco è essenziale così come la pulizia!
casa_ereditata_dopo

 

casa_ereditata_dopo_2

casa erediata_dopo_4

Il lavoro è compiuto, la soddisfazione sempre proporzionale all’energia e alla cura con cui si è portato avanti il lavoro… non possiamo descrivere tutto… ma se avete bisogno di supporto, siamo qua :)

Per quanto riguarda l’appartamento milanese su cui abbiamo lavorato noi, è in affitto attraverso Hintown con un tasso di occupazione ben oltre la media:  un totale di 7 posti letto, due bagni, cucina e splendida luce naturale!

 

Share this post